Home > Roma antica > Monumenti > Ninfeo degli Annibaldi

Ninfeo degli Annibaldi

Ninfeo degli Annibaldi

Il Ninfeo venne scoperto nel 1895 durante i lavori per il taglio della via omonima ed è oggi sezionato a metà dal muraglione di sostegno della strada.

In origine aveva una forma semiellittica, con una vasca al centro, ed era ornato da nicchie, delle quali quattro sono tuttora visibili; sopra clipei e lesene. Tutta la parete ricurva è decorata con un mosaico volutamente rustico; le lesene sono ornate da file di conchiglie piccolissime, mentre altre più grandi sono incastrate al centro.
 Ugualmente sono sagomati capitelli e cornici; altre decorazioni sono in madreperla e smalto con frammenti di pietra pomice e brecce.

Il monumento è databile tra la fine della repubblica e l'età di Augusto. Successivamente venne costruito il muro di rinforzo a mattoni, visibile sulla destra.

Nel 1986, a cura della Ripartizione X del Comune di Roma, è stata eseguita una complessiva opera di risanamento delle pareti per fermare lo stato di degrado in cui si trovano le decorazioni.

Informazioni pratiche

Indirizzo
Via degli Annibaldi (angolo con via del Fagutale)
Rione

I - Monti

Orario

Ingresso consentito solo a gruppi accompagnati.
Max 8 persone a visita.

Informazioni e prenotazioni

Prenotazione telefonica obbligatoria tel. 060608