Home > Roma antica > Monumenti > Casale di Giovio

Casale di Giovio

Casale di Giove - esterno

Casale Giovio è un'importante testimonianza funeraria di età romana, situata nel settore occidentale di Villa Doria Pamphilj.

Esso, già completamente ristrutturato alla fine del XVIII secolo, aveva inglobato un sepolcro di età imperiale (II secolo d.C.) del tipo a tempietto. L’edificio antico, probabile opera di Aurelius Cotta, censore nel 241 a.C, era costituito da un’aula rettangolare, forse a due piani, della quale si conservano alcuni tratti dei muri nord, est e ovest.

La distanza di circa 140 metri dalla via Aurelia fa supporre che l’edificio fosse raggiungibile da un diverticolo che si staccava dall’arteria principale. Il sepolcro, il cui lato settentrionale è conservato meglio, presenta una struttura muraria con cortina di laterizi caratterizzati da una variazione cromatica che va dal rosso cupo al giallo. Sono integrazioni moderne il primo piano e il corpo aggiunto all’estremità del lato occidentale; quest’ultimo è verosimilmente costruito sul nucleo cementizio pertinente alla gradinata di accesso del sepolcro antico.

Informazioni pratiche

Indirizzo
Viale di Villa Pamphilj
Informazioni e prenotazioni

Attualmente il monumento non è accessibile al pubblico