Home > Fontane > Fontanelle del Campidoglio

Fontanelle del Campidoglio

Fontanelle del Campidoglio

La prima delle due fontanelle si trova in Via di San Pietro in Carcere, di fianco al palazzo Senatorio, addossata al muro di sostegno del giardino a terrazza posto su questo lato del Campidoglio.

Importo dei lavori: € 15.000,00

Costruita quasi interamente in travertino, è composta da una vaschetta semicircolare sorretta da un piedistallo, inserita in un prospetto ad arco incorniciato da bugne lisce. La fontana, come informa l’iscrizione posta entro l’arco, è alimentata dalla apprezzata Acqua Marcia, l’acquedotto di età repubblicana ripristinato da Pio IX nel 1870; realizzata nel corso del ‘900, la piccola fontana è molto utilizzata dai turisti come punto di ristoro dopo l’ascesa al colle capitolino.
La seconda è posta invece sul muro che separa il giardino Caffarelli da via del Tempo di Giove. Si tratta di una pregevole testa femminile in marmo, ornata di un diadema e di una elaborata acconciatura. Nella parte inferiore del volto, fortemente abrasa, è collocata la cannella in ferro da cui sgorga l’acqua, che ricade in basso, circondata da una sorta di rustico muretto semicircolare composto di pietre calcaree a vista. La realizzazione di questa piccola fontana risale con ogni probabilità al ‘900 inoltrato.
Descrizione
Materiali: travertino; marmo; rocce calcaree
Datazione: XX secolo con elementi più antichi
Stato di conservazione
La fontanella di Via San Pietro in Carcere è in mediocre stato di conservazione: presenta consistenti e diffusi depositi di calcare che ricoprono quasi per intero le superfici, esclusa la parte alta del bugnato e il bordo arrotondato della vaschetta, allisciato invece dal continuo contatto con gli innumerevoli fruitori. I depositi di calcare, inglobando particellato atmosferico e sporco comune, assumono colorazioni dal grigio al nero. Modeste crescite biologiche si osservano sui lati esterni della vaschetta. Il bugnato in travertino presenta alcune fessurazioni, mentre l’intonaco del muro circostante la fontana è gravemente lesionato e in vari punti lacunoso.
La fontanina in Via del Tempo di Giove è viceversa in buone condizioni: si osservano soltanto alcune modeste incrostazioni di calcare sull’intonaco al di sotto della cannella, nonché sul bordo e in parte sulla zona frontale del muretto in pietra. Al suo interno vi è una folta crescita di muschi mentre qualche piantina cresce all’esterno, tra gli interstizi delle rocce.
Tipologia d’intervento
Si propone un intervento di restauro per la fontana di Via San Pietro in Carcere, che includa: trattamento biocida; pulitura e rimozione delle incrostazioni calcaree; consolidamento; stuccatura dei giunti e delle fessurazioni; applicazione del protettivo finale; rifacimento dell’intonaco nella porzione di muro che incornicia la fontana su entrambi i lati.
Per la fontanina del Tempio di Giove si ritiene invece opportuno un semplice intervento di manutenzione, che contempli lavaggio e rimozione delle incrostazioni calcaree e delle patine biologiche e delle erbe infestanti.
Importo stimato dei lavori
€ 15.000,00 inclusi tutti gli oneri
Livello della progettazione
Da progettare
Tempistica
- Redazione progetto definitivo: gg. 30
- Approvazioni progetto: 60 gg.
- Procedura affidamento dipende da altri Uffici, in media 90 gg
- Esecuzione lavori: gg. 30

Informazioni pratiche

Indirizzo
Via San Pietro in Carcere, Roma
Rione

Campitelli