Home > Fontane > Fontane delle Tartarughe a Villa Borghese

Fontane delle Tartarughe a Villa Borghese

Fontane delle Tartarughe a Villa Borghese

In occasione dell'Esposizione Universale del 1911 il Comune di Roma commissionò a Cesare Bazzani la sistemazione generale dell'area di Valle Giulia, già Vigna Cartoni.

Importo dei lavori: € 100.000,00

L'architetto sistemò tutti i giardini davanti al Palazzo elaborando i disegni per fontane e statue. Tra queste progettò anche le due fontane gemelle che sono dunque stilisticamente legate all'edificio della Galleria Nazionale d'Arte Moderna. La realizzazione fu probabilmente affidata agli scultori Mangionello e Minaldi, già incaricati di modellare le statue per le fontane della zona.
Entrambe le fontane sono costituite da un bacino inferiore circolare, parzialmente interrato, con bordo modanato e decorato da otto tartarughe dalla cui bocca fuoriesce lo zampillo dell'acqua. Al centro del bacino si erge un fusto sormontato da una tazza svasata al centro della quale è il getto dell'acqua. Il fusto, a sezione quadrangolare, presenta decorazioni angolari con fasci e rose ed una corona di rose immediatamente al di sotto della tazza.
Descrizione
Materiali: calcestruzzo armato e caricato con graniglia di travertino.
Datazione: 1908-1911
Stato di conservazione
Le fontane e le sedute che delimitano le esedre sono state restaurate tra il 2003 e il 2004. Negli anni successivi sono stati effettuati alcuni interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, questi ultimi necessari a ripristinare le teste di alcune tartarughe danneggiate con atto vandalico.
L’attuale stato di conservazione dei manufatti è in generale mediocre. Le superfici delle fontane mostrano diffusa presenza di estese patine biologiche e incrostazioni calcaree di lieve/medio spessore localizzate sulle parti interessate dalla presenza di acqua. Da alcune fessurazioni dello strato di finitura superficiale hanno origine lievi scie di percolazione a indicare fenomeni di infiltrazione e probabilmente un principio di ossidazione delle armature in ferro. Per quanto riguarda le sedute artistiche degli emicicli si osserva che l’esedra Argan è in pessimo stato di conservazione a causa dei gravi dissesti idrogeologici che continuano ad interessare la collina.
Tipologia d’intervento
Il progetto per una manutenzione straordinaria di queste fontane deve tener conto delle specifiche caratteristiche del calcestruzzo armato per cui, nel prevedere le consuete operazioni (trattamento biocida; rimozione delle incrostazioni calcaree; consolidamento; stuccatura dei giunti e delle fessurazioni; trattamento degli elementi metallici; applicazione di protettivo finale antigraffito; ripristino dell’impermeabilizzazione; revisione dell’impianto idrico) si dovrà considerare un maggior tempo necessario per l’accurato trattamento degli elementi dell’armatura in ferro e per la puntuale sigillatura delle corrispondenti fessurazioni.
L’intervento sulle fontane non potrà inoltre prescindere dal preliminare risanamento delle problematiche strutturali (dissesti) o di decoro (pavimentazione della scalea) del contesto in cui sono inserite.
Importo stimato dei lavori
€ 100.000,00 inclusi tutti gli oneri
Livello della progettazione
Da progettare
Tempistica
- Redazione progetto definitivo: gg. 60
- Approvazioni progetto: 60 gg.
- Procedura affidamento dipende da altri Uffici, in media 90 gg
- Esecuzione lavori: gg. 210

Informazioni pratiche

Indirizzo
Viale delle Belle Arti, Roma