Home > Fontane > Fontane degli emicicli di piazza del Popolo

Fontane degli emicicli di piazza del Popolo

Fontane degli emicicli di piazza del Popolo

Fin dal Medioevo ingresso privilegiato alla città per quanti provenivano dal Nord, la piazza deve la sua attuale sistemazione all’intervento di Giuseppe Valadier, agli inizi dell’Ottocento.

Importo stimato dei lavori: € 1.200.000,00

Valadier ricevette l’incarico di progettare una pubblica villa con passeggiata nell’area di Porta del Popolo durante l’occupazione francese di Roma (1809-14). Dopo una serie di rinvii e di modifiche del progetto iniziale, a cui contribuirono gli architetti francesi Guy de Gisors e Louis Martin Berthault, i lavori ebbero inizio, ma furono presto interrotti dalla caduta di Napoleone, nel 1814.
Il progetto fu ripreso dal papa Pio VII, appena restituito sul trono pontificio; i lavori ebbero inizio nel 1816 e furono ultimati nel 1828. Valadier ridisegnò l’intera piazza e gli edifici su di essa prospicienti. Sui lati del grande spazio aperto, dominato al centro dall’obelisco sistino, furono creati due emicicli contrapposti, coronati ognuno da otto sfingi in marmo. Al centro degli emicicli furono poste due fontane sovrastate dai gruppi scultorei della Dea Roma tra i fiumi Tevere e Aniene e del Nettuno fra tritoni e delfini, entrambi disegnati da Giuseppe Valadier e scolpiti da Giovanni Ceccarini. Sul retro dell’emiciclo est fu tracciato il viale di collegamento col Pincio, sistemato a partire dal 1830 con scenografiche terrazze in asse con la fontana della Dea Roma.
Descrizione
Materiali: marmo; travertino
Stato di conservazione
Lo stato di conservazione dei due emicicli e delle fontane è nel complesso mediocre. Dopo l’intervento di restauro dell’intero complesso realizzato nel 1997-98, sono stati eseguiti solo piccoli interventi di manutenzione ordinaria: cancellazione scritte vandaliche e diserbi delle scogliere. Sulle superfici si riscontrano depositi di particellato atmosferico, patine di natura biologica, crescita localizzata di muschi, licheni e vegetazione infestante. Limitatamente alle fontane, si rileva inoltre la presenza di notevoli incrostazioni calcaree. Molte stuccature risultano deteriorate e alterate cromaticamente. Va inoltre riposizionato il calco del frammento del timone di Nettuno, rotto dall’urto con un autocarro. La fontana centrale della piazza (fontana dei Leoni) sarà oggetto di restauro a partire da maggio 2015.
Tipologia d’intervento
Trattamento biocida; pulitura e rimozione delle incrostazioni calcaree; consolidamento; stuccatura dei giunti e delle fessurazioni; applicazione del protettivo finale; impermeabilizzazione delle vasche; revisione dell’impianto idrico e dell’impianto di illuminazione artistica.
Importo stimato dei lavori
€ 1.200.000,00 inclusi tutti gli oneri
Livello della progettazione
Da redigere
Tempistica
- Redazione progetto definitivo: 90 gg.
- Approvazioni progetto: 60 gg.
- Procedura affidamento: dipende da altri Uffici, in media 90 gg.
- Esecuzione lavori: 300 gg.

Informazioni pratiche

Indirizzo
Piazza del Popolo, Roma
Rione

Campo Marzio