Home > Fontane > Fontana del Boccale a via Zabaglia

Fontana del Boccale a via Zabaglia

Fontana del Boccale a via Zabaglia

La fontana del Boccale venne realizzata nel 1931 dall'architetto Raffaele De Vico, nell’ambito dei lavori di sistemazione e di arredo urbano degli spazi tra via Zabaglia e il Monte Testaccio.

Importo dei lavori: € 30.000,00

Derivato dall’antico vaso greco oinochòe, utilizzato nell’antichità per attingere e mescere il vino, il boccale di De Vico riproduce la tradizionale forma delle brocche che, fino a poco tempo fa e in parte ancora oggi, erano di uso quotidiano sulle tavole popolari. Il monumentale boccale è realizzato in marmo vicentino rosso corallo ed ha il corpo decorato da bassorilievi floreali, proprio come le brocche d’uso, che spesso erano dipinte sul fianco con semplici “fioracci". L'acqua che fuoriesce dalla bocca trilobata si raccoglie all’interno di un catino in travertino di piccole dimensioni. Sfruttando il leggero pendio esistente tra via Zabaglia e via di Monte Testaccio, la fontana è collocata al centro di una terrazza ad emiciclo delimitata da colonnotti, affacciata verso via di Monte Testaccio e il Monte dei Cocci.
Descrizione
Materiali: marmo vicentino, travertino, laterizio
Datazione: 1931
Stato di conservazione
Le superfici marmoree del boccale a la sottostante vasca in travertino sono in buona parte ricoperte da incrostazioni calcaree dovute al fluire dell’acqua, miste a particellato atmosferico e sporco comune, nonché a formazioni di natura biologica (alghe). La superficie del boccale è in gran parte consunta dall’usura dovuta all’utilizzo come fonte di acqua potabile; si notano inoltre numerose fessurazioni e mancanze, in parte risarcite nel corso di precedenti interventi, con stuccature oggi in larga misura ammalorate. L’area adiacente alla fontana si trova in condizioni di grave degrado, anche a causa della sua posizione defilata e appartata, alla mancanza di illuminazione e all’utilizzo come luogo di ritrovo, in una zona nota per la presenza di numerosi locali notturni: accumulo di rifiuti, scritte vandaliche diffuse lungo l’emiciclo e sulla stessa superficie del boccale, manto asfaltato sconnesso, fessurato e lacunoso. Uno dei cinque colonnotti di recinzione della fontana è rotto alla base e risulta oggi mancante.
Tipologia d’intervento
La fontana necessita di un intervento complessivo che non si limiti al solo trattamento degli elementi architettonici e scultorei, ma includa l’area circostante, in una visione integrata degli elementi monumentali con il contesto ambientale, propria del progetto originario. Si prevedono pertanto le seguenti operazioni: trattamento biocida; pulitura e rimozione delle incrostazioni calcaree; consolidamento; stuccatura dei giunti e delle fessurazioni; integrazione delle mancanze; applicazione del protettivo finale; rifacimento del colonnotto mancante; revisione dell’impianto idrico; realizzazione dell’impianto d’illuminazione; sistemazione della scalinata di accesso e della zona di rispetto.
Importo stimato dei lavori
€ 30.000,00 inclusi tutti gli oneri
Livello della progettazione
Da progettare
Tempistica
- Redazione progetto definitivo: 60 gg.
- Approvazioni progetto: 60 gg.
- Procedura affidamento dipende da altri Uffici, in media 90 gg.
- Esecuzione lavori: 150 gg.

Informazioni pratiche

Indirizzo
Via Nicola Zabaglia, Roma
Rione

Testaccio