Home > Fontane > Fontana con vasca termale a via Flaminia

Fontana con vasca termale a via Flaminia

Fontana con vasca termale a via Flaminia

La fontana è il risultato del montaggio, avvenuto nel corso del Novecento, di elementi pertinenti ad un abbeveratoio per animali fatto erigere a metà Cinquecento dal papa Giulio III poco più a nord sulla via Flaminia, ove ora sorge la Fontana delle Tre Conche.

Importo dei lavori: € 35.000,00

L’abbeveratoio era composto dagli elementi che vediamo qui riutilizzati, una testa a rilievo che getta acqua all’interno di un’antica vasca termale, e venne abbellito nella seconda metà del Seicento dal cardinale Federico Borromeo il quale, acquisita l’area ove sorgeva la fontana, la circondò con un doppio prospetto architettonico e aggiunse al mascherone una valva di conchiglia a raggiera in peperino. Nel 1877 la vasca termale venne rimossa e riutilizzata a Villa Borghese per far posto alla vasca della fontana del Babuino, temporaneamente smontata per la costruzione della rete fognaria di Campo Marzio. Quando nel 1929 la Cassa del Notariato acquistò il terreno, il vecchio abbeveratoio venne sostituito da una nuova composizione, l’attuale Fontana delle Tre Conche; il mascherone e la conchiglia, ricongiunti all’antica vasca recuperata da Villa Borghese, vennero quindi rimontati sulla facciata dello Studio Fortuny, dove un tempo si trovava un abbeveratoio noto come Arcosolio di Benedetto XIV. Fu solo dopo ulteriori lavori di risistemazione dell’edificio che la fontana venne nuovamente spostata per trovare la sua attuale collocazione.
Descrizione
Materiali: travertino; marmo; peperino; calcestruzzo armato (fondale e mensola); ferro (grata).
Datazione: 1552-53; 1672; 1929
Stato di conservazione
La fontana è in mediocre stato di conservazione. La valva di conchiglia e il rilievo marmoreo, già interessati da forte perdita del modellato per l’erosione dovuta alla lunga esposizione ai fenomeni atmosferici, mostrano un principio di decoesione, fessurazioni e spesse incrostazioni di calcare e patine algali, ravvisabili anche sul bordo della vasca termale sottostante. Il calcare ingloba particellato atmosferico e materiali inquinanti, assumendo l’inestetica colorazione grigio-nera. La vasca presenta numerosi punti di fuoriuscita dell’acqua, che denunciano l’alterazione, se non la completa mancanza, dello strato impermeabilizzante. Le vecchie stuccature sono deteriorate e non più funzionali. L’area di rispetto e il bacino interrato, privi di strutture di recinzione/dissuasione, sono danneggiati dall’accumulo di rifiuti e dalla sosta non autorizzata di mezzi a due ruote.
Tipologia d’intervento
La fontana necessita di un intervento di manutenzione straordinaria che preveda le seguenti operazioni: trattamento biocida; rimozione delle incrostazioni calcaree; consolidamento; stuccatura dei giunti e delle fessurazioni; integrazione delle parti mancanti; trattamento degli elementi metallici; applicazione di protettivo finale antigraffito; ripristino dell’impermeabilizzazione; revisione dell’impianto idrico. Sarebbe inoltre opportuno considerare la sostituzione/integrazione dell’attuale griglia mobile con altra di maggiori dimensioni che impedisca l’accumulo di rifiuti all’interno del bacino a terra e l’installazione di una struttura di delimitazione dell’area di rispetto.
Importo stimato dei lavori
€ 35.000,00 inclusi tutti gli oneri
Livello della progettazione
Da progettare
Tempistica
- Redazione progetto definitivo: gg. 30
- Approvazioni progetto: 60 gg.
- Procedura affidamento dipende da altri Uffici, in media 90 gg
- Esecuzione lavori: gg. 120

Informazioni pratiche

Indirizzo
Via Flaminia 158, Roma